Versi-Cerebrali

Versi cerebrali: miei versi che riguardano l’intelletto, soprattutto nella sua attività teoretica e astratta (quindi separato dalla sensibilità e dall’esperienza). Il colore di questi versi è il giallo, il colore della equivocità: simbolo di vitalità luminosa e, nello stesso tempo, di subdola ambiguità. L’ambiguità è il carattere tipico degli intellettuali come, ahimè, io sono. Fanno parte di questi versi i versi civici, a cui tengo particolarmente.