Come conservare i vinili? (#MusikDojo)

musik dojo

Oggi inizio una rassegna a cui tengo molto: #MusikDojo. È tale la mia passione per la musica, che non posso non dedicargli la mia attenzione e, con questa rassegna, voglio condividere la mia esperienza pluriennale di ascolti. Sono un ascoltatore seriale di musica e non so assolutamente suonare (sperando di colmare questa lacuna, prima o poi). Comincio da un mio vizietto degli ultimi anni: i vinili. Come conservare questo oscuro oggetto del desiderio? Come conservare i vinili?

Premetto che, nonostante sia un appassionato di ascolto in vinile, non lo considero”oggettivamente” il miglior modo di ascoltare musica. È gusto personale, è moda e come tale va preso. Ti posso assicurare che impianti per ascoltare musica in digitale, garantiscono un’esperienza di ascolto superiore al vinile. I vinili sono un modo più “caldo” di ascoltare musica: tutto qua. Stendiamo un velo pietoso, poi, sul fatto che ormai incidono vinili prendendo i master digitali… è come se volessi farti assaggiare una pietanza, facendoti masticare la stampa della ricetta!
Al netto di tutto ciò, però, c’è un parametro che rende il vinile oggettivamente superiore: è il miglior modo per conservare la musica. Con la manutenzione giusta, tu puoi ascoltare lo stesso disco dall’adolescenza alla vecchiaia. Forse, è in questa caratteristica che risiede il fascino ancestrale del vinile, determinante per la sua rinascita. Prima di concludere, ti ricordo brevemente che: vanno conservati in verticale, possibilmente in un mobile porta-vinile ad hoc e devi stare attento al calore, luce, umidità, pressione e materiale in cui li custodisci. Se vuoi approfondire, ecco una raccolta di contenuti e risorse, utili per sapere come conservare i vinili:

0 commenti

Lascia un Commento

Sicuramente ne sai più di me: sorprendimi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *