Il Suono delle Rondini al Sud

linee nere su rondini (suono)
Credits: MΔB, 2019_10_10, “Linee nere su palme lametine”, Lamezia terme

Il suono delle rondini si espande…

Penso ai tanti anni nelle metropoli…

e, alla fine, il ritorno in provincia.

Anni di mezzi, traffico e impegni a rotoli:

con timida lievità, si ricomincia.

Tu mi chiedi “chi te lo fa fare, in mezzo a queste aiuole decadenti?

Queste strade sporche? Questa confidenza impertinente?

E alla tua carriera, non ci pensi?”

Amica mia, il motivo in realtà

è uno solo: il lusso, qui, è normalità.

Non è solo mero calcolo dei tempi:

qui, ogni giorno, puoi toccare il mare

senza spendere un capitale.

Il suono delle rondini è reale,

semplicemente perché lo puoi ascoltare.

Il fico d’india, l’eucalipto, l’ulivo…

non sono Caravaggio, ma ti fan sentir più vivo!

Nelle metropoli il pensiero si restringe,

perché lo spazio è ristretto:

ecco spiegata l’efficienza.

Nella provincia il pensiero si perde,

perché lo spazio è più aperto:

ecco spiegata la nullafacenza.

Cara mia, io non posso affermare che tutto ciò sia meglio

e non te ne dolere:

banalmente, ogni persona ha una sua stella da seguire.

Per ora ti lascio alla carriera, come appiglio,

perché io devo volare:

come scrisse un saggio “la rondine, in gabbia,

in un dì vi mor di rabbia.


Dedicata alla vita di provincia, del Sud in particolare, dove sono tornato dopo tanti anni di peregrinazioni (che molto mi hanno regalato). Amore mio: io non so se sia la cosa giusta, ma sono convinto che stiamo seguendo le nostre stelle… e tanto mi basta 🙂

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.