Primavera 1983

Un laringospasmo impresse su di me la paura della morte. Di notte, all’improvviso, mi sentii soffocare: cercavo di parlare ma non ci riuscivo.

Andai nella stanza da letto dei miei e trovai mia madre che, con molta calma e dolcezza, mi portò in cucina e preparò una camomilla. Tutto passò ma, da quel momento in poi, tutte le mie azioni sono orientate a scappare da quella paura: la paura di non riuscire a comunicare.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.