Il Senso?

Credits: Ξ8Δɱ, 2018_05_09, “Enneagramma nero su Mandala”

Il senso della vita è nella morte:
così capì il signor G
quando, della Fine, gli si aprirono le porte.

Il senso della vita è nella morte:
così capì Torquato, sul ciglio, impaurito, indeciso,
quando una pallottola gli illuminò il viso.

Il senso della vita è nella morte.
Il senso della vita è nella morte.
Il senso della vita è nella morte:
così Tullio non potè pensare,
quando nel sonno l’ultima goccia di vita stava per traboccare.

Il senso della vita è nella vita:
così pensavo, mentre capivo
il miracolo della vita per cui io sono vivo.

***

Scritta esattamente il 3 gennaio del 2003, a 21 anni. Questa è stata la mia prima composizione in rima e fu come una liberazione: infatti provai qualche mese prima, in pieno malessere universitario, ad esprimermi in prosa ma fu un disastro (tuttora considero il mio periodare in prosa, qualitativamente inferiore al mio periodare “simmetrico”) e non ci riprovai per un po’. Poi, accaddero una serie di morti che mi colpirono molto e non riuscivo a spiegarmi il perché. Questo componimento fu ciò che ne venne fuori e, a differenza di qualche mese prima, mi soddisfò. Inserisco anche una canzone, che penso completi bene quanto scritto sopra:

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.