in Ricordatoio

Terzo Intermezzo

La polvere il sangue le mosche e l’odore
per strada fra i campi la gente che muore
e tu, tu la chiami guerra e non sai che cos’è
e tu, tu la chiami guerra e non ti spieghi il perché.

L’autunno negli occhi l’estate nel cuore
la voglia di dare l’istinto di avere
e tu, tu lo chiami amore e non sai che cos’è
e tu, tu lo chiami amore e non ti spieghi il perché.

Dall’album “Tutti morimmo a stento” del 1968, uno dei capolavori di Fabrizio De Andrè e di tutta la musica italiana del’900.

Commenta

Commento