in Ricordatoio

Pere Ubu live @OrionClub Ciampino

Esattamente il 17 febbraio sera. Che scrivere? I Pere Ubu, oltre che una delle mie band preferite, sono una delle band più importanti del rock. Tra i padri fondatori della new wave, definire la loro musica new wave è riduttivo: il loro è più un rock sperimentale, quasi senza genere. Arte, insomma. Anche se, più che di Pere ubu, si dovrebbe parlare del cantante/leader David Thomas, che è l’unico ad essere rimasto della formazione orginale. Il suo carisma, la sua presenza scenica e il magnetismo che esercita sulla band, anche se costretto a stare seduto, sono incredibili. Tutti ottimi musicisti: non è facile giocare su registri di schizofrenia musicale e rimanere concentrati. Un mix tra psichedelia e nevrastenia, con momenti di viaggio puri. Potevamo essere al massimo 100 persone, ma una cosa è certa: questo, per me, è uno di quei concerti della vita!

PS: peccato per il sound-check, fatto con i piedi dai tecnici dell’Orion. Il buon David, che non è uno che le manda a dire, ha dovuto interrompere il concerto in una fase bellissima. Peccato.